Un pizzico di… storia – Tolstoj e crema nocciole e cioccolato

Sono numerosi i filosofi, gli scrittori e gli artisti che, nel corso della storia, hanno abbracciato una visione nettamente opposta al pensiero dominante che vede gli animali in una posizione subalterna rispetto a quella occupata dall’uomo.

Nella scorsa puntata vi ho parlato di Mary Shelley. Oggi è il momento di uno dei più grandi scrittori mai esistiti: Lev Tolstoj.

Un altro vegetariano famoso che ci ha offerto la storia è lo scrittore russo Lev Tolstoj (1828 – 1910). Lo scrittore di “Guerra e pace”, dopo una profonda crisi esistenziale, spinto da un sentimento di purificazione interiore, decide di nutrirsi esclusivamente con pane, verdure e legumi, una scelta necessaria per una sana vita morale. Ma alla base della sua scelta non c’è solamente una motivazione ascetica bensì anche uno strenuo rifiuto di qualunque tipo di violenza.

Le sue motivazioni sono bene argomentate in “Il primo gradino”, una prefazione scritta al libro di Howard Williams ”The Ethics of Diet”.

Tolstoj afferma: “La prima tappa della vita morale è la temperanza, così come la prima tappa della temperanza è la sobrietà nel cibo. Cosa voglio dire? Che gli uomini, per diventare buoni, devono smettere di mangiare carne? Affatto. Io voglio solo dire che… se l’uomo cerca seriamente e sinceramente di progredire verso il bene, la prima cosa di cui si priverà sarà l’alimentazione di origine animale, perché il suo uso è immorale, perché comporta un’azione contraria alla morale ‒ l’assassinio ‒ causato solo da ingordigia e gola”.

In questo testo è presente anche una lunga, inquietante e terribilmente attuale descrizione di una visita fatta dallo Scrittore al mattatoio di Tula nel 1891.

Tolstoj è stato un grande sostenitore della non violenza e ha ispirato Ghandi con il quale ha anche intrattenuto una fitta corrispondenza. Ma di ciò ve ne parlo nel prossimo articolo.

CREMA ALLE NOCCIOLE E CIOCCOLATO

Per Tolstoj ci vuole una ricetta importante, golosa ma al contempo semplice. Con pochi ingredienti e, se possibile, che siano ingredienti di recupero, scarti che altrimenti butteremmo proprio come l’okara di nocciole che deriva dal latte di nocciole. Ecco una crema spalmabile che oltre a essere buona è anche raw e gluten free.

INGREDIENTI:
70 grammi di okara di nocciole tostate
100 grammi di massa di cacao (oppure di cioccolato crudo)
2 cucchiaini di sciroppo di agave
Latte di nocciola q. b.

PROCEDIMENTO:

A bagnomaria sciogli la massa di cacao, incorpora gli altri ingredienti, lascia raffreddare. Conserva in un barattolo di vetro in frigo anche per 10 giorni.

LA RICETTA IN DIRETTA – Biscotti con okara di mandorle

Per leggere gli ingredienti e il procedimento clicca qui.

Per ascoltare RTM: Fm 99.100 – 102.200 – 107.600 – Streaming www.radiortm.it.

BISCOTTI CON OKARA DI MANDORLE

Ricetta gluten free

Dopo aver autoprodotto un sano e goloso latte di mandorla (clicca qui per la ricetta) cosa si può realizzare con l’okara, ossia con lo scarto? Si può preparare un formaggio vegetale (clicca qui per la ricetta della ricruda di mandorle) oppure dei golosi biscottini.


INGREDIENTI
100 grammi di okara di mandorle
110 g di farina di riso
40 grammi di fecola di patate 
60 g di zucchero di canna integrale 
4 g di polvere lievitante
50 g di latte di mandorla
60 g di olio di semi di arachidi
30 grammi di gocce di cioccolato fondente 

PROCEDIMENTO
In una ciotola unisci tutti gli ingredienti secchi, aggiungi l’okara di mandorle e mescola per bene. Poi incorpora l’olio. Aggiungi a poco a poco il latte di mandorle e le gocce di cioccolato fondente. Impasta sino a ottenere un panetto compatto. Forma i biscotti con le mani (non c’è bisogno di stendere l’impasto col mattarello), adagiali su una teglia e infornali per 20 minuti in forno preriscaldato a 160°.

PASTA CON SCARTI DELL’ESTRATTO RADICI

Ricetta gluten free

Pasta con gli scarti dell’estratto “radici”

Cucinare con gli scarti, wastecooking, per minimizzare gli sprechi e ridurre il nostro impatto sul Pianeta. Dopo un sano ed energizzante estratto di succo vivo, ecco cosa si può fare con la fibra. Una crema per condire la pasta che piace a grandi e piccini.

INGREDIENTI
Scarti dell’estratto radici senza il limone
Una Cipolla Rossa di Tropea
Uno spicchio di aglio
300 grammi di latte di soia non zuccherato o 250 grammi di panna di soia
Un pezzetto di radice di zenzero
Sale integrale q. b.
Olio EVO q. b.

PROCEDIMENTO
In una padella antiaderente fai appassire la cipolla e l’aglio tritati nell’olio EVO. Aggiungi gli scarti dell’estratto e, dopo poco, aggiungi il latte di soia o la panna. Cucina per pochi minuti a fiamma moderata. Scola la pasta al dente e saltala in padella. Se necessario aggiungi un po’ di liquido di cottura della pasta. Grattugia lo zenzero. Come pasta ti consiglio di usare il maltagliati al grano saraceno.

RICRUDA CON OKARA DI MANDORLE

Ricetta raw e gluten free

Con lo scarto del latte di mandorla si può realizzare uno squisito formaggio vegetale che può essere impiegato anche per condire la pasta come questi golosissimi spaghetti con ricruda di mandorla e pomodorini secchi.

INGREDIENTI
L’okara che si ottiene da 100 grammi mandorle usate per il latte (oppure 80 grammi di mandorle precedentemente ammollate per 8 ore)
4 cucchiaini di lievito alimentare in scaglie
Olio evo q. b.
Latte di mandorla q. b.

PROCEDIMENTO
Frulla tutti gli ingredienti sino a ottenere una crema compatta, metti in una fuscella (o più fuscelle piccole) e sforma. La puoi conservare in frigo per un paio di giorni coperta dalla pellicola.

VEGHELLA

Ricetta raw e gluten free

Una golosissima e sana crema spalmabile che si può realizzare con lo scarto del latte di nocciole.

INGREDIENTI
70 grammi di okara di nocciole tostate
100 grammi di massa di cacao (oppure di cioccolato crudo)
2 cucchiaini di sciroppo di agave
Latte di nocciola q. b.

PROCEDIMENTO
A bagnomaria sciogli la massa di cacao, incorpora gli altri ingredienti, lascia raffreddare. Conserva in un barattolo di vetro in frigo anche per 10 giorni.

BIOSCOTTI CON GLI SCARTI DELL’ESTRATTO VERDE-VEGANDO

Ricetta gluten free

Cucinare con gli scarti, il cosiddetto wastecooking, per minimizzare gli sprechi e ridurre il nostro impatto sul Pianeta. Dopo un sano ed energizzante estratto di succo vivo Verde-Vegando, ecco cosa si può fare con la fibra: ottimi biscotti, gluten free, adatti per il tè o da sgranocchiare in qualsiasi momento della giornata!

INGREDIENTI
60 g di scarti dell’estratto Verde-Vegando
40 g di crusca di grano tenero (o maizena per dei biscottingluten free)
50 g di farina di cocco
100 g di farina di riso integrale
60 g di zucchero di canna
4 g di polvere lievitante
70 g di olio di semi di arachidi
40 g di latte di soia non zuccherato

PROCEDIMENTO
In una ciotola unisci tutti gli ingredienti secchi, aggiungi gli scarti dell’Estratto Verde-Vegando e mescola per bene. Poi incorpora l’olio e il latte e impasta sino a ottenere un panetto da stendere col mattarello. Forma i biscotti, adagiali su una teglia e infornali per 15 minuti in forno preriscaldato a 160°.