TORTA AL CACAO

Si tratta di una torta senza zucchero, senza glutine ed estremamente semplice e sana. Come Gioia in Cucina vuole.

INGREDIENTI

230 grammi di farina di riso

20 grammi di cacao amaro

1,5 grammi di gomma di guar

100 di uvetta passa

10 grammi di polvere lievitante per dolci

210 grammi di acqua

60 grammi di olio EVO

PROCEDIMENTO

Nel bicchiere del minipimer a immersione ammolla, per almeno due, ore l’uvetta nell’acqua. Dopo frullala. In una ciotola unisci la farina, il cacao, il lievito e la gomma di guar. Aggiungi il composto di uvetta e acqua e l’olio e mescola per bene. Versa il composto in una teglia di 20 cm e inforna per 40 minuti in forno preriscaldato a 180°.

TORTA DI ZUCCA

La zucca! Quanto la amo! Al vapore, al forno, fritta… Con la pasta, con il riso e nei dolci! Si tratta di un ortaggio così versatile che mi permette di sperimentare tantissimo.

L’altro giorno ho realizzato una torta (senza zucchero) che è veramente golosa, sana e ricca di proteine!

INGREDIENTI 
250 grammi di zucca cruda
50 grammi di mandorle pelate tritate (o farina di mandorle)
100 grammi di datteri
150 grammi di acqua
250 grammi di farina integrale
8 grammi di polvere lievitante per dolci
60 grammi di olio

PROCEDIMENTO
Nel bicchiere del minipimer, per una mezz'ora, lascia riposare i datteri in 100 grammi di acqua.
Intanto sbuccia la zucca, lavala, tagliala a cubetti e cuocila al vapore.
Quindi frulla col minipimer i datteri e la zucca.
In una ciotola unisci la farina al lievito. Aggiungi le mandorle tritate finemente. Incorpora la miscela di datteri e zucca, quindi aggiungi l'olio e i restanti 50 grammi acqua. Mescola per bene, metti il composto in una tortiera oliata dal diametro di 20 CM e inforna in forno caldo a 180° per una mezz'ora.

Ps. puoi impreziosire con gocce di cioccolato fondente!

TORTA AL CACAO CON FAGIOLI AZUKI

Adoro la pasticceria perché mi diverto a sperimentare con gli ingredienti più inconsueti. Questa torta l’ho realizzata per proporla al corso di pasticceria vegetale che sto tenendo per la Federazione Italiana Cuochi, di cui faccio parte.

Stefano l’ha assaggiata prima di sapere che ci fossero gli azuki. Dopo che gli ho rivelato l’ingrediente segreto mi ha guardata stupito!

Si tratta di una torta a basso indice glicemico e ricca di fibre grazie alla presenza della farina integrale di avena e degli azuki.

Inoltre aiuta a stimolare il buonumore grazie alla presenza del cacao, ricco di teobromina, e dei datteri, ottima fonte di triptofano.

INGREDIENTI
100 grammi di farina integrale di avena
150 grammi di fagioli azuki cotti
20 grammi di cacao amaro
100 grammi di datteri
160 grammi di acqua
8 grammi di polvere lievitante per dolci
40 grammi di olio

PROCEDIMENTO
Lessa, senza sale, i fagioli azuki. Dopo frullali.
Nel bicchiere del minipimer, per una mezz’ora, lascia riposare i datteri in 100 grammi di acqua,
poi riducili in purea.
In una ciotola setaccia e unisci tutti gli ingredienti secchi, poi incorpora la purea di datteri, i fagioli frullati, l’olio e i 60 grammi di acqua. Amalgama per bene, versa il composto in una teglia precedentemente oliata e inforna a 160° per 40 minuti circa.

TORTA DI LOTO

I cachi (o loti o mele d’oriente) sono i frutti del Diospyros kaki, pianta originaria dell’estremo oriente. Sono ricchi di vitamine A e C e fibre.

Li ho comprati qualche giorno fa, di quelli piccoli a KM0, portati in negozio dal contadino. Li mangio solo io (a Stefano non piacciono) ed ormai erano diventati troppo maturi. Non potevo rischiare di buttarli quindi ho sperimentato una torta (senza zucchero) che è piaciuta anche a Stefano!

INGREDIENTI
180 grammi di polpa di cachi
100 grammi di bevanda di soia
250 grammi di farina integrale
6 grammi di polvere lievitante per dolci
70 grammi di olio
2 cucchiai di malto di riso

PROCEDIMENTO
Frulla la polpa dei cachi con la bevanda di soia.
In una ciotola unisci la farina al lievito. Incorpora la miscela di polpa e bevanda di soia, quindi aggiungi l’olio e il malto di riso. Mescola per bene, metti il composto in una tortiera oliata dal diametro di 20 CM e inforna in forno caldo a 180° per una mezz’ora.

PS. Puoi rendere più golosa questa torta aggiungendo delle gocce di cioccolato fondente.

Un pizzico di… storia – Tolstoj e crema nocciole e cioccolato

Sono numerosi i filosofi, gli scrittori e gli artisti che, nel corso della storia, hanno abbracciato una visione nettamente opposta al pensiero dominante che vede gli animali in una posizione subalterna rispetto a quella occupata dall’uomo.

Nella scorsa puntata vi ho parlato di Mary Shelley. Oggi è il momento di uno dei più grandi scrittori mai esistiti: Lev Tolstoj.

Un altro vegetariano famoso che ci ha offerto la storia è lo scrittore russo Lev Tolstoj (1828 – 1910). Lo scrittore di “Guerra e pace”, dopo una profonda crisi esistenziale, spinto da un sentimento di purificazione interiore, decide di nutrirsi esclusivamente con pane, verdure e legumi, una scelta necessaria per una sana vita morale. Ma alla base della sua scelta non c’è solamente una motivazione ascetica bensì anche uno strenuo rifiuto di qualunque tipo di violenza.

Le sue motivazioni sono bene argomentate in “Il primo gradino”, una prefazione scritta al libro di Howard Williams ”The Ethics of Diet”.

Tolstoj afferma: “La prima tappa della vita morale è la temperanza, così come la prima tappa della temperanza è la sobrietà nel cibo. Cosa voglio dire? Che gli uomini, per diventare buoni, devono smettere di mangiare carne? Affatto. Io voglio solo dire che… se l’uomo cerca seriamente e sinceramente di progredire verso il bene, la prima cosa di cui si priverà sarà l’alimentazione di origine animale, perché il suo uso è immorale, perché comporta un’azione contraria alla morale ‒ l’assassinio ‒ causato solo da ingordigia e gola”.

In questo testo è presente anche una lunga, inquietante e terribilmente attuale descrizione di una visita fatta dallo Scrittore al mattatoio di Tula nel 1891.

Tolstoj è stato un grande sostenitore della non violenza e ha ispirato Ghandi con il quale ha anche intrattenuto una fitta corrispondenza. Ma di ciò ve ne parlo nel prossimo articolo.

CREMA ALLE NOCCIOLE E CIOCCOLATO

Per Tolstoj ci vuole una ricetta importante, golosa ma al contempo semplice. Con pochi ingredienti e, se possibile, che siano ingredienti di recupero, scarti che altrimenti butteremmo proprio come l’okara di nocciole che deriva dal latte di nocciole. Ecco una crema spalmabile che oltre a essere buona è anche raw e gluten free.

INGREDIENTI:
70 grammi di okara di nocciole tostate
100 grammi di massa di cacao (oppure di cioccolato crudo)
2 cucchiaini di sciroppo di agave
Latte di nocciola q. b.

PROCEDIMENTO:

A bagnomaria sciogli la massa di cacao, incorpora gli altri ingredienti, lascia raffreddare. Conserva in un barattolo di vetro in frigo anche per 10 giorni.

TORTA ALLE FRAGOLE SENZA ZUCCHERO

Torta senza latte, senza zucchero, senza lievito

Amo le fragole per il loro colore, per il loro sapore e per il loro profumo. E il nome fragola deriva dal latino “fragrare” e vuol dire proprio “mandare odore”.
Le fragole sono ricche di vitamina C (molto più di quanto lo siano gli agrumi). Contengono lo xilitolo, una sostanza che previene la formazione della placca e distrugge i germi responsabili dell’alitosi.
Lo sai che la fragola è uno pseudofrutto? Infatti, dal punto di vista botanico, il frutto vero e proprio sono i semini gialli presenti sulla superficie e chiamati acheni.

Foto di Marta Ranieri

Io sono una di quelle che il panettone lo preferisce con le gocce di cioccolato perché non sopporta l’uvetta. Quindi, appena leggerai “uva sultanina” fra gli ingredienti non ti spaventare! Una volta frullata, messa nell’impasto e cotta perderà il suo sapore. Ci serve per sostituire lo zucchero. In questa torta al posto del lievito ho utilizzato un composto di bicarbonato e limone.

Ingredienti
200 grammi di farina integrale
400 grammi di fragole mature
100 grammi di uva sultanina
6 grammi di bicarbonato
2 limoni piccoli di cui usare sia il succo sia la scorza
180 grammi di acqua
60 grammi di olio EVO (che abbia un sapore fruttato e non troppo intenso) 

Procedimento
Metti a reidratare l’uvetta nei 180 grammi di acqua per almeno un’ora.
Dopo averle lavate, taglia a pezzettini le fragole.
In una ciotolina metti il bicarbonato e il succo dei limoni, questo è il nostro lievito! Frulla l’uvetta con tutta la sua acqua (l’ideale sarebbe usare un minipimer a immersione).
In una boule grattuggia la scorza dei limoni, aggiungi la farina e l’uvetta frullata.
Inizia a mescolare, quindi aggiungi l’olio, le fragole e, dopo averle amalgamate aggiungi il lievito. Mescola per bene.
Metti il composto il una teglia di diametro di 20 cm precedentemente oliata e inforna per 50 minuti a 180 gradi.

Se vuoi realizzare una crema alle fragole, prova questa ricetta: crema fragole e mandorle.

LA RICETTA IN DIRETTA RADIO – Torta all’arancia

Eccovi la ricetta della mia torta alle arance! Semplice e golosa…

  • 200 grammi di farina di grani antichi siciliani
  • 8 grammi di polvere lievitante per dolci
  • 90 grammi di zucchero integrale di canna
  • 2 arance non trattate (una piccola e una grande) per ottenere 190 grammi di succo e la buccia
  • 60 grammi di olio EVO

Unisci gli ingredienti secchi e amalgamateli per bene. Aggiungi il succo delle arance e l’olio. Mescola fino a ottenere un composto omogeneo. Inforna a 180° per una quarantina di minuti.

MUFFIN AL COCCO

Anche per questa ricetta (l’altra era la crema golosa raw) ho usato una tovaglietta spettacolare appartenente a “My Beautiful Obsession”, un progetto di Francesco Campidori, modellista e collezionista di moda. Le foto delle tovagliette che riproducono pezzi della collezione di Francesco sono state scattate ed editate da Marina Arienzale.

I muffin al cocco sono soffici e davvero buonissimi. Meno male che li regalo ad amiche e parenti perché li mangerei tutti. Il cocco c’è sotto forma di tre ingredienti: farina, latte e zucchero.

INGREDIENTI
250 grammi di cocco rapè
150 grammi di farina integrale
10 grammi di polvere lievitante per dolci
90 grammi di zucchero di cocco
300 grammi di latte di cocco integrale
70 grammi di olio di arachidi
Gocce di cioccolato q. b.

PROCEDIMENTO
In una ciotola mescola gli ingredienti secchi. A poco a poco aggiungi il latte e l’olio. Mescola per bene e riempi i contenitori per muffin precedentemente oliati. Cuoci in forno statico a 180° per 30 minuti circa.

CREMA GOLOSA RAW

Ricetta raw e gluten free

Per prima cosa, una nota sulla foto. La tovaglietta spettacolare sulla quale ho poggiato la mia crema raw fa parte di “My Beautiful Obsession” un progetto di Francesco Campidori, modellista e collezionista di moda. Le foto delle tovagliette che riproducono pezzi della collezione di Francesco sono state scattate ed editate da Marina Arienzale.

Ora andiamo al contenuto della ciotolina bianca. La crema che vi propongo è senza latte, senza uova, senza burro, senza farina, senza glutine, senza lattosio, senza grassi e senza… cottura! Con cosa l’ho realizzata? Solo quattro sani e golosi ingredienti e un semplice minipimer a immersione.

Ps. Ah, questa crema è caratterizzata anche da un altro “senza”, il senza violenza sui nostri amici animali. Per un tipo di alimentazione che faccia bene a noi e non faccia del male a nessuno.

Ingredienti per una persona
Una banana
5 grammi di cacao crudo in polvere
Un pizzico di polvere di zenzero
Acqua q. b.

Procedimento
Con un minipimer a immersione frulla, a più riprese in modo tale da non far surriscaldare le lame, la banana con il cacao. Aggiungi un po’ di acqua per rendere più fluido il composto quindi completa la ricetta con un pizzico di polvere di zenzero (io l’ho presa da Agricolè a Reggio Calabria ma la si può trovare anche nel suo spazio on-line (clicca qui).

Ecco pronta una merenda sana e golosissima!

CIAMBELLA SOFFICE

INGREDIENTI
200 grammi di farina di tipo 1
70 grammi di farina di grano saraceno
130 grammi di zucchero di canna
10 grammi di polvere lievitante per dolci bio 
250 grammi di yogurt di soia
140 grammi di latte vegetale
100 grammi di olio di arachidi 

Per la copertura:
150g di cioccolato fondente al 70%
50g di latte vegetale
Per la farcia:
Marmellata bio di albicocche o arance

PROCEDIMENTO
In un recipiente unisci tutti gli ingredienti secchi e mescola. Aggiungi l’olio e il latte. Versa il composto in una teglia di 20 cm e inforna per 25 minuti in forno preriscaldato a 180°.