CORSO DI CUCINA VEGETALE PER LA FEDERAZIONE

Giornata intensa quella di ieri, si è concluso il Corso di Cucina Vegana che ho tenuto per la Federazione Italiana Cuochi (Associazione Provinciale di Catanzaro) di cui faccio parte.

È stata un’esperienza entusiasmante vissuta insieme al Dottor Antonio Galatà dell’Associazione Italiana Nutrizionisti in Cucina, il quale mi ha affiancata nel corso delle lezioni on-line.

Immancabile il Presidente Apccz Domenico Origlia, con i suoi consigli che sublimano le ricette.

La coordinazione è stata a opera di Valentina Amato, Direttrice de Il Piatto Giusto Academy, con la quale ho collaborato molte volte prima di trasferirmi in Sicilia.

Il corso è stato internazionale in quanto seguito, oltre che da numerose Lady Chef e numerosi Chef, da una ragazza dell’Uruguay!

Numerosi gli argomenti e le ricette realizzate. Dai formaggi vegetali ella pasticceria della salute. Dal Living Food al Waste Cooking.

Un’esperienza che si ripeterà il prossimo anno, ma speriamo dal vivo perché la relazione face to face, il sentire gli odori e gustare le ricette appena pronte da parte delle allieve e degli allievi è una parte fondamentale per un corso di cucina.

Vegetali difficili – terza (e ultima!) parte

Con il lunedì ritorna la rubrica Galateo in chicchi, dedicata alle buone maniere (che ultimamente scarseggiano) e al galateo moderno. Perché il rispetto verso il prossimo passa anche dalla tavola. Non possiamo passare una serata di qualità se il commensale accanto a noi sgomita o emette versi strani trangugiando il suo brodino (di verdure, ovviamente!).

Nella prima puntata vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per un pasto formale o una grande occasione.

Nella seconda, invece, vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per le occasioni informali.

Nella terza vi ho svelato il significato che assumono coltello e forchetta a seconda di come li posizioniamo nel piatto.

Nella quarta vi ho parlato delle mani. Cosa possono o non possono fare.

Nella quinta abbiamo visto come comportarci con i vari tipi di cibo.

Nella sesta vi ho parlato di bicchieri e brindisi.

Nella settima ho iniziato a elencarvi come approcciarsi ad alcuni vegetali difficili.

Nell’ottava c’è stata la seconda parte dei vegetali difficili.

Oggi continuo questo elenco:

1) Melone. Viene servito a fette e si mangia con coltello e forchetta.

2) Mirtilli. Generalmente vengono serviti in coppette e si mangiano col cucchiaino .

3) Noci. Si adopera lo schiaccianoci per rompere il guscio e poi, con le dita, si portano alla bocca i gherigli.

4) Papaya. Deve essere servita già tagliata a metà, bisogna usare il cucchiaino per gustare la polpa.

5) Pera. Con coltello e forchetta si taglia a metà o in quattro spicchi. Poi ogni spicchio lo si deve sbucciare con coltello e forchetta. Buona fortuna!

6) Pompelmo. Può essere servito solo per la prima colazione. Si mangia come l’arancia.

7) Uva. Con le dita si portano, uno alla volta, gli acini alla bocca. Eventualmente i noccioli e la buccia si tolgono con le mani e non sputandoli!

8) Frutta cotta o macedonia: si gusta con le posate.

9) Melograno. si taglia a metà e si gusta con il cucchiaino.

GIOIA IN RADIO – CON LA NUTRIZIONISTA

VIII PUNTATA II EDIZIONE

Nella seconda edizione del mio programma radiofonico, in onda ogni venerdì dalle 11:00 alle 12:30 su RTM, ho deciso di accostare all’alimentazione “sana, naturale e golosa” l’attività fisica.

Oggi ho avuto come ospite non una persona del mondo dello sport bensì una nutrizionista che si occupa anche di alimentazione vegana nello sport. Si chiama Mariagrazia Vigliarolo, è Biologa Nutrizionista, Esperta in Alimentazione Vegetale e membro del Comitato Scientifico di Assovegan. Inoltre è una mia cara amica. Qui potete rivedere la puntata!

Nella prima puntata abbiamo parlato di surf (se vuoi vederla clicca qui).

Nella seconda puntata abbiamo parlato di Ju-Jitsu (se vuoi vederla clicca qui).

Nella terza puntata abbiamo parlato di Yoga (se vuoi vederla clicca qui)

Nella quarta puntata abbiamo parlato di ciclismo (se vuoi rivederla clicca qui)

Nella quinta puntata abbiamo parlato di ginnastica artistica (se vuoi rivederla clicca qui)

Nella sesta puntata abbiamo parlato di piloxing (se vuoi rivederla clicca qui)

Nella settima puntata abbiamo parlato dell’atletica leggera (se vuoi rivederla clicca qui)

Vegetali difficili – seconda parte

Con il lunedì ritorna la rubrica Galateo in chicchi, dedicata alle buone maniere (che ultimamente scarseggiano) e al galateo moderno. Perché il rispetto verso il prossimo passa anche dalla tavola. Non possiamo passare una serata di qualità se il commensale accanto a noi sgomita o emette versi strani trangugiando il suo brodino (di verdure, ovviamente!).

Nella prima puntata vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per un pasto formale o una grande occasione.

Nella seconda, invece, vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per le occasioni informali.

Nella terza vi ho svelato il significato che assumono coltello e forchetta a seconda di come li posizioniamo nel piatto.

Nella quarta vi ho parlato delle mani. Cosa possono o non possono fare.

Nella quinta abbiamo visto come comportarci con i vari tipi di cibo.

Nella sesta vi ho parlato di bicchieri e brindisi.

Nella settima ho iniziato a elencarvi come approcciarsi ad alcuni vegetali difficili.

Oggi continuo questo elenco:

1) Datteri: si mangiano con la forchetta.

2) Fichi. Con coltello e forchetta vanno tagliati in quattro parti e poi, csempre con la forchetta, si mangia la polpa.

3) Fragole. Si mangiano con le mani. Ovviamente non se nella coppetta a macedonia!

4) Kiwi. Può essere mangiato in due modi. Tagliato a metà e col cucchiaino oppure sbucciato e tagliato a pezzi con coltello e forchetta.

5) Lamponi. Generalmente vengono serviti in coppette e si mangiano col cucchiaino.

6) Mandarino. Come l’arancia.

7) Mango. Come il kiwi.

8) Mela: con coltello e forchetta si taglia a metà o in quattro spicchi. Poi ogni spicchio lo si deve sbucciare con coltello e forchetta. Buona fortuna!

9) Melograno. si taglia a metà e si gusta con il cucchiaino.

GIOIA IN RADIO – ATLETICA LEGGERA

VII PUNTATA II EDIZIONE

Nella seconda edizione del mio programma radiofonico, in onda ogni venerdì dalle 11:00 alle 12:30 su RTM, ho deciso di accostare all’alimentazione “sana, naturale e golosa” l’attività fisica.

Nella settima puntata ho avuto come ospite Emanuele Assenza della ASD Running Modica. Ci ha parlato dell’atletica leggera, disciplina antichissima. Qui potete rivedere la puntata!

Nella prima puntata abbiamo parlato di surf (se vuoi vederla clicca qui).

Nella seconda puntata abbiamo parlato di Ju-Jitsu (se vuoi vederla clicca qui).

Nella terza puntata abbiamo parlato di Yoga (se vuoi vederla clicca qui)

Nella quarta puntata abbiamo parlato di ciclismo (se vuoi rivederla clicca qui)

Nella quinta puntata abbiamo parlato di ginnastica artistica (se vuoi rivederla clicca qui)

Nella sesta puntata abbiamo parlato di piloxing (se vuoi rivederla clicca qui)

Vegetali difficili – prima parte

Con il lunedì ritorna la rubrica Galateo in chicchi, dedicata alle buone maniere (che ultimamente scarseggiano) e al galateo moderno. Perché il rispetto verso il prossimo passa anche dalla tavola. Non possiamo passare una serata di qualità se il commensale accanto a noi sgomita o emette versi strani trangugiando il suo brodino (di verdure, ovviamente!).

Nella prima puntata vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per un pasto formale o una grande occasione.

Nella seconda, invece, vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per le occasioni informali.

Nella terza vi ho svelato il significato che assumono coltello e forchetta a seconda di come li posizioniamo nel piatto.

Nella quarta vi ho parlato delle mani. Cosa possono o non possono fare.

Nella quinta abbiamo visto come comportarci con i vari tipi di cibo.

Nella sesta vi ho parlato di bicchieri e brindisi.

Oggi esaminiamo come relazionarzi con vegetali un po’… complicati!

1) Asparagi e carciofi interi. I primi, in famiglia si possono mangiare con le mani, nelle occasioni formali vanno gustati con le posate. I carciofi possono essere mangiati solo con le mani, per questo non vengono serviti nelle occasioni formali.

2) Albicocca. Può essere mangiata con le mani. La si apre in due con le dita e la si accompagna alla bocca.

3) Ananas. Deve essere servita già tagliata a fette e privata della buccia. Va mangiata rigorosamente con le posate.

4) Anguria. Deve essere servita già tagliata. I semi vanno tolti con le posate, e bisogna sempre usare le posate per tagliarla e mangiarla.

5) Arancia. Si sbuccia con il coltello e poi si mangia a spicchi usando le mani.

6) Avocado. Chi serve un avocado intero come frutto? Ma dai! Comunque sia va tagliato in due nel senso della lunghezza e mangiato con le posate.

7) Banana. Va prima sbucciata con coltello e forchetta. Poi tagliata a pezzi e mangiata sempre con la forchetta!

8) Cachi: si gustano con il cucchiaino.

9) Datteri: si mangiano con la forchetta.

GIOIA IN RADIO – PILOXING

VI PUNTATA II EDIZIONE

Nella seconda edizione del mio programma radiofonico, in onda ogni venerdì dalle 11:00 alle 12:30 su RTM, ho deciso di accostare all’alimentazione “sana, naturale e golosa” l’attività fisica.

Nella sesta puntata ho avuto come ospite Carmen Frasca dello Studio Freeda Modica. Lei è una delle tre trainer di piloxing presenti in Italia. Ci ha parlato di questa nuova disciplina che tonifica, scioglie e fa anche divertire. Qui potete rivedere la puntata!

Nella prima puntata abbiamo parlato di surf (se vuoi vederla clicca qui).

Nella seconda puntata abbiamo parlato di Ju-Jitsu (se vuoi vederla clicca qui).

Nella terza puntata abbiamo parlato di Yoga (se vuoi vederla clicca qui)

Nella quarta puntata abbiamo parlato di ciclismo (se vuoi rivederla clicca qui)

Nella quinta puntata abbiamo parlato di ginnastica artistica (se vuoi rivederla clicca qui)

Bicchieri e brindisi!

Con il lunedì ritorna la rubrica Galateo in chicchi, dedicata alle buone maniere (che ultimamente scarseggiano) e al galateo moderno. Perché il rispetto verso il prossimo passa anche dalla tavola. Non possiamo passare una serata di qualità se il commensale accanto a noi sgomita o emette versi strani trangugiando il suo brodino (di verdure, ovviamente!).

Nella prima puntata vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per un pasto formale o una grande occasione.

Nella seconda, invece, vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per le occasioni informali.

Nella terza vi ho svelato il significato che assumono coltello e forchetta a seconda di come li posizioniamo nel piatto.

Nella quarta vi ho parlato delle mani. Cosa possono o non possono fare.

Nella quinta abbiamo visto come comportarci con i vari tipi di cibo.

Oggi parliamo di bicchieri.

1) Bere. Prima di bere è norma pulire la bocca con il tovagliolo onde evitare di lasciare impronte sul bicchiere. Bisognerebbe pulirsi anche dopo aver bevuto, per asciugarsi la bocca.

2) Versare. Non bisogna mai riempire il bicchiere sino all’orlo. Lo stesso vale per tazze, tazzine da caffè e bicchieri dei liquori.

3) Mignolino. Mai sollevarlo. Prestiamo attenzione anche a non alzare troppo il gomito. In tutti i sensi!

4) Zuppetta. Mai intingere pane, biscotti e dolcetti vari nel caffè, nel tè, nella cioccolata. Tantomeno nel vino!

5) Stop. Se non si desidera che il bicchiere venga riempito basta fare un semplice cenno o dire:”no, grazie”. Mai coprirlo con la mano.

6) Brindisi. Nemmeno gli astemi dovrebbero astenersi. Per loro basta che portino il bicchiere alle labbra. Nelle occasioni formali bisogna alzarsi in piedi. I quelle informali si può rimanere seduti. “Cin cin”? No, dirlo è maleducazione!

GIOIA IN RADIO – GINNASTICA ARTISTICA

V PUNTATA II EDIZIONE

Nella seconda edizione del mio programma radiofonico, in onda ogni venerdì dalle 11:00 alle 12:30 su RTM, ho deciso di accostare all’alimentazione “sana, naturale e golosa” l’attività fisica.

Nella quinta puntata ho avuto come ospite Mariastella Vittorio e Laura Melilli, Istruttrici di ginnastica artistica e ginnastica aerobica da competizione della scuola Motyca. Ci hanno parlato di queste due fantastiche discipline che forgiano non solo il fisico ma anche il carattere. Qui potete rivedere la puntata!

Nella prima puntata abbiamo parlato di surf (se vuoi vederla clicca qui).

Nella seconda puntata abbiamo parlato di Ju-Jitsu (se vuoi vederla clicca qui).

Nella terza puntata abbiamo parlato di Yoga (se vuoi vederla clicca qui)

Nella quarta puntata abbiamo parlato di ciclismo (se vuoi rivederla clicca qui)

Cibo: lo possiamo toccare?

Con il lunedì ritorna la rubrica Galateo in chicchi, dedicata alle buone maniere (che ultimamente scarseggiano) e al galateo moderno. Perché il rispetto verso il prossimo passa anche dalla tavola. Non possiamo passare una serata di qualità se il commensale accanto a noi sgomita o emette versi strani trangugiando il suo brodino (di verdure, ovviamente!).

freepik

Nella prima puntata vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per un pasto formale o una grande occasione.

Nella seconda, invece, vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per le occasioni informali.

Nella terza vi ho svelato il significato che assumono coltello e forchetta a seconda di come li posizioniamo nel piatto.

Nella quarta vi ho parlato delle mani. Cosa possono o non possono fare.

Oggi vediamo insieme come comportarci con i vari tipi di cibo.

1) Pane. Non va morso e nemmeno tagliato. Bisogna spezzarlo con le mani. Stessa cosa per i grissini. Non si possono mordere ma spezzare un pezzo e portarlo alla bocca.

2) Coltello. Mai portare il cibo alla bocca con il coltello.

3) Piatto. Non bisogna tagliare in tanti pezzi il cibo che abbiamo nel piatto bensì un pezzo per volta, a mano a mano che mangiamo.

4) Giocare. Mai giocare il cibo nel piatto. Evitate di schiacciarlo o spingerlo verso i bordi. Nemmeno con il risotto!

5) Ultima cucchiaiata. per raccogliere le ultime cucchiaiate bisogna inclinare il piatto verso il centro della tavola e non verso di noi. Si tratta di un’usanza risalente al Medioevo ma i fini erano prettamente pratici: non sporcarsi i vestiti. Alla fine il cucchiaio va lasciato nel piatto fondo.