Cibo: lo possiamo toccare?

Con il lunedì ritorna la rubrica Galateo in chicchi, dedicata alle buone maniere (che ultimamente scarseggiano) e al galateo moderno. Perché il rispetto verso il prossimo passa anche dalla tavola. Non possiamo passare una serata di qualità se il commensale accanto a noi sgomita o emette versi strani trangugiando il suo brodino (di verdure, ovviamente!).

freepik

Nella prima puntata vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per un pasto formale o una grande occasione.

Nella seconda, invece, vi ho spiegato come apparecchiare la tavola per le occasioni informali.

Nella terza vi ho svelato il significato che assumono coltello e forchetta a seconda di come li posizioniamo nel piatto.

Nella quarta vi ho parlato delle mani. Cosa possono o non possono fare.

Oggi vediamo insieme come comportarci con i vari tipi di cibo.

1) Pane. Non va morso e nemmeno tagliato. Bisogna spezzarlo con le mani. Stessa cosa per i grissini. Non si possono mordere ma spezzare un pezzo e portarlo alla bocca.

2) Coltello. Mai portare il cibo alla bocca con il coltello.

3) Piatto. Non bisogna tagliare in tanti pezzi il cibo che abbiamo nel piatto bensì un pezzo per volta, a mano a mano che mangiamo.

4) Giocare. Mai giocare il cibo nel piatto. Evitate di schiacciarlo o spingerlo verso i bordi. Nemmeno con il risotto!

5) Ultima cucchiaiata. per raccogliere le ultime cucchiaiate bisogna inclinare il piatto verso il centro della tavola e non verso di noi. Si tratta di un’usanza risalente al Medioevo ma i fini erano prettamente pratici: non sporcarsi i vestiti. Alla fine il cucchiaio va lasciato nel piatto fondo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento