CIAMBELLA SOFFICE

INGREDIENTI
200 grammi di farina di tipo 1
70 grammi di farina di grano saraceno
130 grammi di zucchero di canna
10 grammi di polvere lievitante per dolci bio 
250 grammi di yogurt di soia
140 grammi di latte vegetale
100 grammi di olio di arachidi 

Per la copertura:
150g di cioccolato fondente al 70%
50g di latte vegetale
Per la farcia:
Marmellata bio di albicocche o arance

PROCEDIMENTO
In un recipiente unisci tutti gli ingredienti secchi e mescola. Aggiungi l’olio e il latte. Versa il composto in una teglia di 20 cm e inforna per 25 minuti in forno preriscaldato a 180°.

APERIBYO A RENDE

Il 21 giugno, da Byorea a Rende (Cs), sarò fra gli ospiti di un grande evento giunto alla terza edizione: l’Aperibyo. Dalle 19:00, accompagnati dalla musica del GIO Filice Duo e dal buon vino della Senatore Vini, potrete degustare golosissimi prodotti e straordianrie ricette biologiche, vegane e gluten free.

Da Byorea, negozio specializzato nei prodotti bio e senza glutine, oltre al mio show cooking, nel corso del quale preparerò anche degli spaghetti raw (quindi senza farine, glutine e… cottura!), ci saranno Enzo Marascio, il fondatore del Muscolo di Grano e i prodotti di Dolce Sofì, rigorosamente senza glutine.

Potete prenotare il vostro tavolo con un messaggio su Whatsapp al 3899012109.

Chi mi segue da tempo sa già quanto mi piaccia collaborare con le donne e Anna Teresa, una delle socie di Byorea, sta dimostrando che è possibile, anche se complesso e non facile, essere giovani impreditrici in Calabria. Laureata in farmacia, con grande dedizione e caparbietà si dedica alla sua attività. Quindi non vi resta che prenotare il vostro tavolo e venire all’Aperibyo! Una strepitosa serata ci attende!



SPAGHETTI RAW

Ricetta raw e gluten free

In Sicilia è esploso il caldo (finalmente!) così mi è venuta l’idea di preparare un piatto fresco, senza cottura, che mi ha dato l’occasione di sperimentare la mia nuova spiralizzatrice, l’attrezzo che permette di fare gli spaghetti con le verdure. Il suo colore è pure Verde-Vegando!

INGREDIENTI PER DUE PERSONE
2 zucchine grandi
Un avocado maturo
4 pomodorini di Pachino 
Aglio disidratato 
Qualche fogliolina di timo fresco
Olio EVO
Sale integrale q. b.

PROCEDIMENTO
Con la spiralizzatrice realizza gli spaghetti di zucchine e lasciali per un quarto d’ora circa a marinare in una ciotola con l’olio extravergine d’oliva spremuto a freddo e un pizzico di sale integrale.


Intanto in una ciotola prepara il condimento. Schiaccia l’avocado, aggiungi i pomodorini tagliati a pezzetti piccoli e condisci con un filo di olio, il sale e l’aglio disidratato e il timo.
Condisci gli spaghetti di zucchine ed ecco pronto un primo piatto senza: farine, lieviti, glutine, cotture, alimenti di origine animale.

IL MIO SHOW COOKING NEL PRIMO BORGO VEG D’ITALIA!

Con Vegando in…, dopo aver tenuto show cooking e workshop in Sicilia, Calabria e Basilicata, volerò al Nord, precisamente nel Friuli Venezia Giulia, in un luogo strepitoso del quale si è molto parlato qualche settimana fa: il primo borgo vegan d’Italia!

È stato inaugurato a Soleschiano di Manzano grazie all’iniziativa di Isabella e Tiziana Pers, due artiste che con il loro progetto RAVE East Village Artist Residency affrontano l’importanza della vita in ogni sua forma. RAVE evidenzia il ruolo dell’arte contemporanea nei confronti dell’alterità animale e la necessità di ripensarsi in una prospettiva biocentrica e antispecista.

RAVE

Dall’8 al 16 giugno, fra Rosazzo e Soleschiano di Manzano, in provincia di Udine, grazie alla collaborazione fra RAVE East Village Artist Residency e VIGNE MUSEUM, prenderà vita L’ETÀ DEL RIMEDIO, una serie di incontri, dibattiti e mostre, a cura di Isabella e Tiziana Pers (fondatrici di RAVE),  Elda Felluga, (Presidente di Vigne Museum Associazione Culturale) e Giovanna Felluga (direttore artistico Vigne Museum).

Il Vigne Museum è una struttura artistico-architettonica, un museo ideale dedicato alla vite e al paesaggio collocato tra i vigneti storici di Rosazzo, nel cuore dei Colli Orientali del Friuli, realizzata da Yona Friedman con Jean-Baptiste Decavèle per i 100 anni di Livio Felluga, patriarca della viticultura friulana.


Le due realtà artistiche, VIGNE MUSEUM Associazione Culturale e RAVE East Village Artist Residency sono unite da una visione simile e complementare, attraverso l’arte contemporanea e la cultura, indagano le emergenze del nostro tempo, dalla situazione ambientale al rapporto tra le specie, immaginando il biocentrismo come attitudine culturale, sociale ed economica.

Nel corso de L’età del Rimedio si alterneranno esponenti del mondo dell’arte, della scienza e della filosofia per raccontare, in base alle proprie ricerche ed esperienze, come i rispettivi settori di competenza stiano evolvendo conseguentemente all’evoluzione del nostro pianeta.
Il tema centrale sarà il cambiamento climatico.

Vediamo un po’ cosa accadrà in quei giorni…

L’8 giugno alle ore 16.30, la manifestazione inizierà all’interno del Vigne Museum con l’inaugurazione di Architecture of intelligence, progetto RAVE di Giuseppe Stampone con la partecipazione di Dom Mimi, diventando così il luogo simbolico di collegamento dell’intera iniziativa.
L’incontro con l’architettura di Yona Friedman ha ispirato un progetto inedito di Giuseppe Stampone, visitabile fino a domenica 16 giugno.
 
Dalle ore 17 alle ore 20 sarà aperta al pubblico la mostra diffusa Animâi Libars, una retrospettiva che presenta alcune delle opere realizzate dal 2011 dagli artisti in residenza, fra cui: Regina José Galindo, Igor Grubić, Ivan Moudov,  Adrian Paci,  Diego Perrone e Nada Prlja.
 
La tavola rotonda dal titolo Immaginari oltre la specie, a cura di RAVE East Villa Artists Residency, sarà il primo momento divulgativo e d’incontro con il pubblico da parte dei tanti ospiti della manifestazione. Alle ore 18, sempre a RAVE, Isabella Pers (artista e co-fondatrice RAVE) introdurrà: Leonardo Caffo (filosofo), Daniele Capra (critico d’arte e curatore), Gino Colla (collezionista, fondatore OnArt), Federica La Paglia (critica d’arte e curatrice), Marinella Paderni (critica d’arte e curatrice), Giuseppe Stampone (artista), Domenico Stinellis (fotografo), Antonello Tolve (teorico e critico d’arte), Marianna Tonelli (studentessa, FridaysForFuture).
 
Il fine settimana successivo, a partire da sabato 15 alle ore 11, i riflettori si sposteranno nuovamente sul Vigne Museum con l’incontro pubblico, a cura dell’omonima Associazione Culturale, parte del ciclo Paesaggi Futuri al Vigne Museum, dal titolo Rivoluzione Pianeta, ospitato in Abbazia di Rosazzo a pochi passi dalla struttura di Yona Friedman realizzata con Jean Baptiste Decavèle. Moderati da Patrizia Catalano (giornalista e curatrice) interverranno Giovanni Delù (giardiniere d’arte e orticoltore del Giardino di Versailles), Pietro Gaglianò (critico d’arte e curatore), Stefano Mancuso (neurobiologo vegetale), Daniele Puppi (artista), Marisa Sestito (vice presidente Giant Trees Foundation) e Giuseppe Stampone (artista).

La rassegna terminerà in modo conviviale e festoso, domenica 16 giugno alle ore 11.30, con il mio Vegan Show Cooking, nel Borgo di Soleschiano, un omaggio a RAVE e alla sua forte identità legata alla questione animale. Seguirà degustazione Birra Agricola Lippo.
 
La manifestazione gode del patrocinio della Fondazione No Man’s Land di cui Yona Friedman è Presidente Onorario.
Il Vigne Museum e le sue attività sono supportate dall’Azienda Livio Felluga in qualità di main sponsor.
RAVE è realizzato con il supporto della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, in collaborazione con All/Università degli Studi di Udine, L’Officina, Trieste Contemporanea, Gallinae in Fabula, Musiz Foundation mentre Vulcano è Main Partner.
Molte le realtà attive sul territorio che hanno aderito come sponsor tecnici aiutando a consolidare il rapporto con il tessuto economico ed istituzionale locale ad un coinvolgimento attivo della popolazione: Biolab Vegetarian & Vegan Organic Food, Agriturismo Vegetariano Al Rôl ai Conti di Maniago da Anna e B&B e Birra Agricola Lippo.

PER IL PROGRAMMA CLICCATE QUI


www.vignemuseum.com

www.raveresidency.com
info:
ATEMPORARYSTUDIO
SAMANTHA PUNIS
s.punis@atemporarystudio.com
0039 339 5323693
 
 
 
 
 
 

PEPERONI DELLA MAMMA


Ingredienti:
Tre grossi peperoni
Pangrattato di pane casereccio
Sale integrale
Olio EVO

Procedimento:
Lava e pulisci i peperoni togliendo i semini e i filamenti bianchi. Tagliali a pezzettoni. Fai scaldare abbondante olio EVO in una padella e friggi i peperoni. Raccoglili con una schiumaiola e ponili sulla carta assorbente. Salali e rimettili nella stessa padella in cui li hai fritti dopo aver tolto quasi tutto l’olio. Quindi alza la fiamma, cospargili con due manciate di pangrattato e rigira velocemente per evitare che si attacchino sino a che il pangrattato non si abbrustolisce.