TORTA DI RISO

Ricetta gluten free

Torta di riso

Quando il riso è il protagonista di un dolce? Forse quando ti ritrovi la credenza piena di farina di riso perché non ricordavi di averla comperata…! Così ti metti a sperimentare ricette nuove. Il risultato? Una golosa torta senza glutine, senza uova, senza latte e senza burro. Ottima per la colazione!


INGREDIENTI
200 grammi di farina di riso
60 grammi di fecola di patate 
8 grammi di polvere lievitante per dolci
90 grammi di zucchero grezzo di barbabietola 
200 grammi di bevanda di riso
60 grammi di olio di arachidi

PROCEDIMENTO
In una ciotola setaccia la farina di riso, la fecola di patate e la polvere lievitante per dolci. Aggiungi lo zucchero grezzo di barbabietola e mescola. A poco a poco aggiungi il latte e l’olio. Mescola per bene e riempi la tortiera di 20 cm precedentemente oliata. Cuoci in forno a 160 gradi per 50 minuti circa.

ACCOGLIENZA, CAJ MALI E BISCOTTI CON FARINE DI GRANI ANTICHI SICILIANI

Io e Jonida Xherri

Sabato 27 aprile, con Vegando in… non sarò in una scuola di cucina e nemmeno in un negozio bio bensì in uno spazio unico e magico, che mi ha incantata: MIRËSERDHËT, su corso Umberto I a Modica, nella mia amata Sicilia.

“MIRËSERDHËT” è una parola albanese e significa “BENVENUTI“. Si tratta del progetto di Jonida Xherri, una mia amica artista che sta trasformando il tempo dell’attesa per la cittadinanza in tempo di accoglienza.

Per poter richiedere la cittadinanza, ogni persona deve risiedere in Italia continuativamente per 10 anni. Tale richiesta, dopo altri anni, può venire anche rifiutata. Jonida, dopo 10 anni trascorsi sulla Penisola, ha fatto richiesta di cittadinanza e, mentre aspetta la risposta, ha deciso, con un’auto-residenza di artista della durata di 10 mesi (da aprile 2019 a gennaio 2020), di riempire questa attesa con l’accoglienza. In questo spazio, ricco delle sue opere, ogni giorno incontra persone, crea legami e offre prodotti tipici albanesi.

Un tempo e un luogo di scambio, di incontri, di creazione di valore dove sabato avrò il piacere di portare i dolci di Vegando in… da offrire insieme al çaj mali (il tè albanese) e il caffè turco che preparerà Jonida. Avrete il piacere di gustare la mia torta ai limoni di sicilia e i biscottini realizzati con farina di grani antichi siciliani e gocce di cioccolato di Modica.

Vi aspettiamo sabato dalle 17:00 su Corso Umberto I a Modica, accanto alla Società Operaia.

TROPEA, WORKSHOP DI PASTICCERIA VEGAN

Nella splendida Tropea, dopo lo show cooking sull’autoproduzione dei formaggi vegetali, arriva il workshop di pasticceria vegana.


La location sarà sempre lo studio InEquilibrio della Dottoressa Maria Elisabetta Aloise (Viale Tondo 165, Tropea). Qui regnano energia positiva e senso di rilassamento e, grazie alle competenze della Dottoressa Aloise, si può ritrovare il proprio equilibrio.

Le persone che parteciperanno avranno l’occasione di imparare come sostituire il burro e le uova, sperimenteranno ingredienti nuovi, conosceranno le alternative allo zucchero raffinato e le diverse bevande vegetali. Insegnerò anche come autoprodurre il latte di nocciole e realizzare una ricetta con l’okara, lo scarto del latte!
Ovviamente tutte le ricette realizzate sono perfette anche per coloro i quali hanno problemi di intolleranze a uova e lattosio.

Ecco il programma:
– introduzione al mondo dei dolci vegani
– levsostituzioni: le uova
– le sostituzioni: il burro
– i tipi di latte veg
– i dolcificanti
– introduzione alle farine

Le ricette che realizzeremo:
– Pan di Spagna
– Crema Pasticcera
– Pasta frolla 
– Pancake 
– Latte di Nocciole
– Veghella 

Io e la Dottoressa Maria Elisabetta Aloise

Per qualsiasi informazione e per prenotare potete chiamare il 3883644020. Vi aspettiamo, per un pomeriggio all’insegna della dolcezza!

LATTE DI MANDORLA

Ricetta raw e gluten free

Il latte di mandorla ha origini medioevali, nei monasteri siciliani. La ricetta tradizionale è alquanto laboriosa: bisogna tritare finemente le mandorle pelate insieme allo zucchero e metterle in infusione in un canovaccio per almeno sei ore.

Con questa golosa e sana bevanda vegetale ci si può fare colazione, la si può adoperare per realizzare dolci, come i miei biscotti gluten free, ooppure la si può impiegare per i formaggi vegetali come la ricruda di mandorle.

Il latte dimandorla lo preparo in modo semplice e molto veloce: con il mio juicepresso della Siquri, azienda italiana leader nel settore delle tecnologie del benessere. I suoi estrattori sono apparecchi di ottima qualità e grandi alleati per la salute grazie alla loro tecnologia slow che preserva tutti i micronutrienti di verdura e frutta.

Se ti interessa un estrattore di succo, vai sul sito http://www.siquri.com e usa il codice sconto “ESTRATTIDIGIOIA” per avere un trattamento speciale.

LATTE DI MANDORLE
INGREDIENTI
100 grammi di mandorle reidratate per 12 ore
800 grammi di acqua
Si può dolcificare a piacere con sciroppo di acero, succo d’agave…
 
PROCEDIMENTO
Ammolla le mandorle per 12 ore. Inserisci nell’estrattore, alternandole, le mandorle e l’acqua. La bevanda si conserva in frigo in una bottiglia di vetro chiusa ermeticamente per un paio di giorni.

Ps. che poi il latte di mandorla è sempre stato chiamato così… arriviamo noi vegani e… ci vietano di chiamarlo latte…

MUFFIN AL RISO

Ricetta gluten free

Una ricetta per ridurre gli sprechi. Mi era avanzato del riso bianco e ho preparato delle golose polpettine di patate e riso. Ma mi era rimasto ancoa riso qundi mi sono buttata sul dolce. Così ho inventato questi muffin che sono anche gluten free. Veramente sfiziosi. Provateli!

MUFFIN DI RISO
INGREDIENTI
170 grammi di riso cotto (più o meno 70 grammi di riso crudo)
120 grammi di farina di grano saraceno
8 grammi di polvere lievitante per dolci
60 grammi di zucchero di canna
110 grammi di latte di soia
40 grammi di olio di arachidi

PROCEDIMENTO
In una ciotola mescola gli ingredienti secchi. Aggiungi il riso e mescola. A poco a poco aggiungi il latte e l’olio. Mescola per bene e riempi i contenitori per muffin precedentemente oliati. Cuoci in forno a 180 per 30 minuti circa (di meno e non di più).

OLIVE VERDI SCHIACCIATE

Al contrario di quanto si possa pensare, la mia Calabria ha una lunga tradizione culinaria vegan caratterizzata da tanti, gustosi e, soprattutto, genuini piatti realizzati con gli ingredienti che la terra offre. Ed è proprio da questo presupposto che ha avuto origine l’idea di riunire tanta bontà in un libro. Il libro è rimasto solo una bozza (almeno per il momento!) ma è nato Vegando in…! Ecco una delle tante ricette tipiche.

Il procedimento di questa ricetta è un po’ lungo poiché le olive devono essere schiacciate (con una pietra piatta) e denocciolate una per una. Ma, con un po’ di fortuna, in alcuni mercati troverai chi ha fatto questo lavoro al tuo posto!

Ingredienti:
Olive verdi
Peperoncino piccante calabrese
Aglio
Semi di finocchio
Carota
Sedano
Origano secco
Sale integrale
Olio EVO

Procedimento:
Metti le olive a bagno, in acqua fredda, per un paio di giorni così perderanno il sapore amaro. Mi raccomando:cambia l’acqua almeno una volta al dì e copri per bene, con un telo di lino, la bacinella.
Quando le olive saranno diventate dolci falle sgocciolare per bene e ponile in un contenitore aggiungendo il peperoncino piccante tagliato a rondelle, l’aglio sminuzzato, i semi di finocchio (a me non piacciono, quindi puoi pure farne a meno!), le carote e il sedano tagliati a cubetti piccoli, l’origano, una manciata di sale integrale e abbonante olio EVO.
Possono durare anche 10 giorni in frigorifero. Se messe in un barattolo di vetro chiuso ermeticamente e ricoperte con olio si conservano molto più a lungo.