FILEJA CON FAGIOLI DELL’ASPROMONTE DI NONNA INES

Al contrario di quanto si possa pensare, la mia Calabria ha una lunga tradizione culinaria vegan caratterizzata da tanti, gustosi e, soprattutto, genuini piatti realizzati con gli ingredienti che la terra offre. Ed è proprio da questo presupposto che ha avuto origine l’idea di riunire tanta bontà in un libro. Il libro è rimasto solo una bozza (almeno per il momento!) ma è nato Vegando in…! Ecco una delle tante ricette tipiche.

I fileja sono un tipo di pasta a base di acqua e farina che ha moltissimi geosinonimi.

La varietà di fagioli (chiamati pappaluni) che ho utilizzato è tipica di uno dei luoghi più incantevoli della Regione: l’Aspromonte. Parco Nazionale nel sud della Calabria, caratterizzato da un’ampia biodiversità e straordinari percorsi naturalistici.

Ingredienti per due persone:
160 grammi di fileja
100 grammi di fagioli dell'Aspromonte secchi
Una costa di sedano
Due pomodorini
Uno spicchio di aglio
Un peperoncino calabrese
Olio EVO
Sale integrale q. b.

Procedimento:
Lava i fagioli sotto l’acqua corrente e lasciali in ammollo per almeno 12 ore.
Scola i fagioli e cuocili in una casseruola ricoperti di acqua.
Dopo che hanno raggiunto il bollore abbassa la fiamma e continua la cottura aggiungendo, se necessario, acqua bollente. Sala verso fine cottura.
In un tegame fai soffriggere il sedano e i pomodorini tagliati a pezzetti, l’aglio e il peperoncino. Quando sono cotti, aggiungi i fagioli con un po’ di liquido di governo e fai insaporire.
Dopo aver scolato i fileja aggiungili ai fagioli e rigira il tutto per qualche minuto a fiamma bassa per amalgamare bene. Fai riposare a fuoco spento per un paio di minuti.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento