Un pizzico di… storia – Mary Shelley e olive verdi schiacciate

Sono numerosi i filosofi, gli scrittori e gli artisti che, nel corso della storia, hanno abbracciato una visione nettamente opposta al pensiero dominante che vede gli animali in una posizione subalterna rispetto a quella occupata dall’uomo.

Dopo la puntata sull’Illuminismo vi parlo di alcune personalità, più o meno note, che si contraddistinguono per la loro visione. Finalmente ho trovato notizie su una donna. La straordinaria Mary Shelley. Ovviamente non perché prima di lei non ci fossero donne vegetariane ma perché ben poche sono le donne di cui parlano i libri di storia.

Ma, prima di parlare dell’autrice di Frankestein, bisogna menzionare il (poco noto ai più) medico inglese William Lambe (1765 – 1847), considerato pioniere del veganesimo. Il dottor Lambe ritiene che una dieta di stampo vegetale e a base di acqua distillata possa curare diverse malattie e prova in prima persona, con successo, questo tipo di alimentazione.

Un paziente del Dottor Lambe, John Frank Newton (1767 – 1837), con l’intento di diffondere le idee del suo medico, nel 1887 pubblica The Return to Nature: Or a Defense of the Vegetable Regimen. Newton era anche seguace dello zoroastrismo, la religione fondata da Zarathustra di cui ho parlato nella prima puntata.

Mary Shelley

“The Return to Nature” e l’incontro con il suo autore influenzano i coniugi Shelley i quali adottano un regime vegetariano dichiarando di riscontrare notevoli vantaggi per la salute. Percy (1792 – 1822) e Mary Shelley (1797 – 1851) sviluppano anche una coscienza vegetariana che va oltre la motivazione salutistica, comprendendo quella etica. Scrivono due articoli sulla dieta di tipo vegetale e sostengono anche la necessità di consumare prodotti locali poiché nascendo in un determinato paese ci si adatta al suo ambiente naturale. Affermano addirittura che un inglese non deve consumare vini provenienti da altri paesi così come le spezie indiane!

Nell’articolo “A Vindication of Natural Diet” possiamo leggere:  “Il veganesimo vi darà longevità. Evitare la carne non significa automortificazione, ed è a vantaggio sia vostro che dell’ambiente naturale di cui fate parte. Sarete ricompensati per questo”

OLIVE VERDI SCHIACCIATE

Da piccola guardavo un cartone animato in cui Frankestein era di colore verde. Quindi potete comprendere da soli che tipo di associazione di idee mi è venuta in mente!

Le olive verdi schiacciate sono veramente golosissime. Ottime per un antipasto ma anche per farcire panini da portare in spiaggia e gustare in riva al mare.

INGREDIENTI:
Olive verdi
Peperoncini piccanti
Aglio
Semi di finocchio
Carote
Sedano
Origano secco
Sale
Olio EVO

PROCEDIMENTO:

Il procedimento di questa ricetta è un po’ lungo poiché le olive devono essere schiacciate (con una pietra piatta) e denocciolate una per una! Ma, con un po’ di fortuna, in alcuni mercati troverai chi ha fatto questo lavoro per te e potrai acquistarle già schiacciate e pronte per essere messe a bagno, in acqua fredda, per un paio di giorni così perderanno il sapore amaro.

Mi raccomando: cambia l’acqua almeno una volta al dì.

Quando le olive saranno diventate dolci falle sgocciolare per bene e ponile in un contenitore aggiungendo il peperoncino piccante tagliato a rondelle, l’aglio sminuzzato, i semi di finocchio, le carote e il sedano tagliati a cubetti piccoli, l’origano, una manciata di sale e abbonante olio EVO.

Così conciate possono durare anche 10 giorni in frigorifero. Se messe in un barattolo e ricoperte di olio posso durare anche un anno!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento