Un pizzico di… storia – I Veda

Sono numerosi i filosofi, gli scrittori e gli artisti che, nel corso della storia, hanno abbracciato una visione nettamente opposta al pensiero dominante che vede gli animali in una posizione subalterna rispetto a quella occupata dall’uomo.

Nel primo articolo vi ho parlato di Zarathustra. Oggi prendo in considerazione non un personaggio bensì una delle più antiche e famose raccolta di testi, non tutti sacri: i Veda.

Al contrario di quanto si possa pensare, il veganesimo non è una “moda” recente. Infatti, già nei Veda, la raccolta di testi elaborata dagli Arii, il più antico dei quali è ascrivibile al 2500 a. C., si possono leggere raccomandazioni per un’alimentazione di tipo vegano: «Se una persona mangia carne umana, di cavallo o di altri animali, e priva gli altri del latte uccidendo le mucche, o re, se tale essere malvagio non desiste con altri mezzi, allora non devi esitare a tagliargli la testa.» (Rig Veda, 10, 87, 16).

E ancora: «Le anime nobili, che praticano la meditazione e le altre discipline dello yoga, che sono attente a tutti gli esseri e che proteggono tutti gli animali, sono quelle che hanno davvero intenzioni serie verso le pratiche spirituali» (Atharva Veda, 19, 48, 5).

L’alimentazione del vero yogi, infatti, dovrebbe essere basata esclusivamente su alimenti di origine vegetale per una migliore elevazione dello spirito.

Melanzane a funghetto

A questo articolo avrei potuto abbinare una ricetta dell’alimentazione Ayurvedica ma sarebbe stato troppo scontato. E poi, all’Ayurveda, incredibilmente vasta e con una visione spiccatamente differente rispetto a quella occidentale, ho già in mente di dedicare altri articoli e corsi.

Foto di Marta Ranieri

Agli antichi testi indiani dei Veda abbino un contorno semplice ma golosissimo, che ha come protagonista la melanzana, che sembra abbia origini proprio in India.

INGREDIENTI PER  4 PERSONE

2 melanzane viola grandi

Farina di tipo 1 q. b.

Acqua q. b.

Olio EVO 

Sale integrale

PREPARAZIONE

Lava le melanzane e tagliale a bastoncini piuttosto grossi. Mettili in una ciotola con acqua salta affinché perdano l’amaro. Dopo un paio d’ore sciacquali e strizzali per bene. Passa i bastoncini di melanzana nella farina e friggili in abbondante olio EVO. Falli asciugare sul panno carta impattali, aggiungi il sale e servili ben caldi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento